I Fichi D’India – C’era una volta (2003)

C’era una volta

con I Fichi D’India (Max Cavallari e Bruno Arena)

regia di Rinaldo Gaspari autore Marco Posani

registrato al teatro Coccia di Novara nel 2003

Dal Teatro Coccia di Novara lo spettacolo dei Fichi d’India per il 2003 (all’indomani del clamoroso successo ottenuto dal cinema con NATALE SUL NILO), scritto dai due insieme a Marco Posani e diretto da Rinaldo Gaspari. L’impressione, davanti alla comicità infantile dei Fichi d’India, è subito quella di uno show improvvisato e animato dalla goliardia dei due, che basano gran parte del loro umorismo sull’interpretazione (non molto creativa) di doppi sensi e barzellette infilati in sequenza. C’è una scena di base (come può essere quella del dottore o quella delle due suocere che chiudono lo show) sulla quale Max Cavallari (il più posato ed estroso) istiga l’inseparabile Bruno Arena (la maschera comica più tipica, con il solito capello “con la riga larga”) a urlare esasperandolo e straparlando. Che sia uno spirito barzellettistico lo si intuisce dai loro due cavalli di battaglia, che ovviamente non potevano mancare e che, pur nella loro ripetitività e semplicità, fanno sempre ridere: i due piazzisti televisivi (“amici ahrarahra”) e il ballo sulle note di “ticki tìc… ticki tic…” cos’altro sono se non giochi di parole sparati senza sosta? Eppure, pur dovendo una volta di più rimarcare la poca originalità della proposta e la sua rozzezza, vedere i due perdersi poco professionalmente tra risate non trattenute e sciocchezze d’ogni genere è spassoso. Quasi non ci sono pause e la quantità di gag (alcune imbarazzanti, va detto) contenuta in ogni singola scena è altissima. Non dall’inizio, magari, ma dal quarto d’ora in poi chi si accontenta di un certo umorismo di grana grossa si diverte di sicuro.